LA CONDIZIONE DELL’ESSERE UMANO …

LA CONDIZIONE DELL’ESSERE UMANO …

La condizione dell’essere umano contro l’improbabilità che gli obiettivi diventino realtà in futuro.

“Se potessi, allora lo farei / allora potrei” era un’espressione piuttosto comune per la mia generazione. Era l’epoca delle speranze e dei sogni illimitati. Era un’epoca in cui si potevano seguire semplici formule (di … filosofia, scuola, laurea, lavoro a tempo indeterminato, matrimonio, Chiesa ecc.) e si aveva la certezza che le proprie aspettative sarebbero state soddisfatte e realizzate. O almeno così pensavamo. 

Oggi sembra chiaro che la formula, il sistema, il modo di pensare, i processi e gli obiettivi abbiamo tutti dei difetti… e che il futuro del mondo e dell’individuo sia tutt’altro che certo. I giovani di oggi vivono in un mondo diverso, forse un mondo privo di permanenza e indifferente ai sistemi dei valori della mia generazione e di quelle precedenti. 

Li capisco. Come “hippie originale” negli Stati Uniti, ho apprezzato gli approcci radicali al dissenso e ho abbracciato le applicazioni pratiche dell’apprendimento universitario superiore tradotto in culture e dilemmi della vita reale. Avevo sia l’istruzione che gli obiettivi e i mezzi per raggiungerli. 

I giovani di oggi si trovano di fronte a un futuro diverso, in un pianeta morente dove la sopravvivenza quotidiana è ancora meno certa rispetto all’epoca della guerra fredda e della minaccia nucleare. La sperimentazione della mia generazione delle droghe, come mezzo per espandere la coscienza rispetto a prima, ci sono lasciato il posto all’uso di droghe e alcol come mezzo per ignorare la realtà sensate. Oggi ci sono più regole senza senso di prima, tutte basate sul denaro e sull’economia. Ciò che non è proibito sarà presto richiesto. Le proteste di piazza non sono più efficaci o politicamente corrette. 

È necessario un cambiamento sociale di base, più che mai. Come cambierà il nostro mondo e la nostra coscienza mondiale questa nuova generazione? La mia generazione di ex-Hippy attende la risposta.

MENTRE ASPETTIAMO.

Pazientemente – in piedi,

disperati di credere in Dio,

nella giustizia e nell’umanità.

Ripetutamente – soffriamo

la nostra stessa ignoranza

e immobilità.

Ammirevolmente – diventiamo martiri,

e cerchiamo di alleviare il nostro dolore

con la santità e la riflessione.

Inevitabilmente ci vendichiamo,

con le stesse tattiche

dei nostri aggressori.

È – ci vergogniamo

di tutti coloro che pensavano

fossimo straordinari.

Spesso, ci aspettiamo

che sia il mondo a riconoscere

le loro critiche errate.

Ironia della sorte:

non impariamo nulla,

e non dimentichiamo o perdoniamo.

  • Adam Donaldson Powell

Leave a Comment

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.