L’été de ma renaissance.

« L’été de ma renaissance », 50 x 50 cm., huile sur toile, 2021.

Cet autoportrait impressionniste représente une image française classique du début du siècle (années 1900) par une belle journée d’été en Provence. Le cadre peint prolonge la sensation d’une brise légère et d’une délicieuse chaleur vibrante. Il est peint dans le style d’un artiste de rue – comme un croquis rapide et intuitif.

 L’été de ma renaissance.


L’été de ma renaissance.


Madame Pandémie

ne s’amusée pas

par la résistance qu’elle a endurée

et qui menace son règne de pouvoir.

Les nouveaux vaccins sont son

moment de Hiroshima,

et la grande dame qui est montée

si brusquement au pouvoir

et à la proéminence

a maintenant l’air fatiguée

et hagarde.

Mais je suis ravi à l’idée

d’un été sauvage en Provence …

l’été de ma renaissance.

— Adam Donaldson Powell

2021 paintings.

This page features selected painted self-portraits created in 2021, without descriptive or background texts. Commentary about these paintings can easily be found elsewhere on this website. Other paintings from 2021, and previously, can also be found elsewhere on the website.

«Breaking through», oil on canvas (front side of two-sided canvas), 50 x 50 cm., 2021.

 

«The back side of it all» (back side of two-sided canvas), 50 x 50 cm., oil on canvas.

«Eternal Sleep — Mors Vincit Omnia», oil on canvas, 80 x 60 cm., 2021.
“Flying”, oil on canvas, 50 x 50 cm., 2021.

“Choosing a COVID-19 Vaccine — The Three Prisoner Problem”, oil on canvas, 50 x 50 cm., 2021.
“Threesome — Me, Myself, and I”, oil on canvas, 50 x 50 cm., 2021.
“The unraveling”, oil on canvas, 40 x 40 cm., 2021.

Le vieil homme dans la Lune, oil on canvas, 50 x 50 cm., 2021

“Jeux d’eau – une forte pluie est imminente”, oil on canvas, 60 x 80 cm., 2021.
“The Scream” (Isbad), oil on canvas, 60 x 80 cm., 2021.
«Grotesque», oil on canvas, 50 x 50 cm., 2021

BONUS: WORKING MY WAY OUT OF THE COVID-19 MENTALITY

« L’été de ma renaissance », 50 x 50 cm., huile sur toile, 2021.
“Imbarco sul treno della Belle Époque”, olio su tela, 40 x 40 cm., 2021.
“Over there: Le rêveur américain”, huile sur toile, 40 x 40 cm, 2021. Ce portrait est peint avec l’ADN du modèle.

77150887-FC2B-400C-B611-FED5BB6D563B

«Fotfetisj», 40 x 40 cm., olje på lerret, 2021.

“El misterio del baobab”, óleo sobre lienzo, 40 x 40 cm., 2021.

 

“The Letter / La Lettre”, oil on canvas, 40 x 40 cm., 2021.

 

Imbarco sul treno della Belle Époque.



” Imbarco sul treno della Belle Époque “, olio su tela, 40 x 40 cm., 2021.

“Imbarco sul treno della Belle Époque”, olio su tela, 40 x 40 cm., 2021.

Sono ancora infatuato dagli ultimi autoritratti di Freud. Trasudano cruda onestà da un pittore che ha ammesso di aver sempre lottato con l’accettazione di come appare realmente nei suoi dipinti. Le scelte che ha preso nell’accentuare le rughe, le ombre a volte poco lusinghiere e troppo elaborate, e i toni cupi della pelle che sembrano come se il processo di pittura stesse prosciugando la vita stessa da lui … È questa intimità che desidero esplorare in questo autoritratto. In questo quadro guardo indietro – verso i primi ritratti di Lucien Freud, e un’espressione più leggera, meno cupa, e leggermente umoristica e sorridente. I modelli di Freud non hanno quasi mai sorriso o mostrato emozioni. In questo autoritratto esprimo la mia euforia di poter viaggiare ancora una volta — attraverso un cartone animato … sto riscoprendo il bambino che è in me.

NB. Le orecchie sono lasciate fuori. Non voglio sentire parlare di COVID-19.

La ribellione degli artisti contro la creazione di un’arte universalmente bella è comprensibile, così come il desiderio di ridefinire l’estetica e la definizione di ciò che è veramente bello. Molti artisti hanno esplorato l’estetica dell’arte bello-brutto. Alcuni deformavano leggermente corpi o volti (per esempio El Greco, Botero, ecc.), mentre altri usavano astrazioni più severe (per esempio Picasso, Francis Bacon, ecc.). Tutti hanno affermato di dipingere ciò che hanno visto realmente, e anche molto onestamente. Picasso e Bacon sono così astratti che non sono più disarmanti per gli spettatori di oggi; questo perché l’arte “lontana” ora ci fornisce in qualche modo una distanza emotivamente sicura. Ma quando Lucien Freud adottò il suo allora nuovo stile naturalistico con pennellate audaci ed esagerazioni di rughe, orecchie che sporgono troppo, e una qualità senza vita nel colore della pelle, espressioni del viso e del corpo dei soggetti, ecc, entrò in un nuovo territorio psicologico nella sua arte. La mente e l’ego gravitano verso il naturalistico, ma allo stesso tempo sono respinti da deviazioni palesemente consolidate. È come guardare in uno specchio che amplifica tutti i nostri difetti, o temere che un bambino ci faccia qualche domanda imbarazzante su noi stessi in pubblico. Una volta ho visto una mostra a Londra con decine di fotografie di Diane Arbus. All’inizio il suo lavoro era eccentrico e intrigante. E dopo un po’ è diventato sempre più inquietante per me come spettatore. Era – come molti dei ritratti successivi di Freud – “troppo onesto”. Così dolorosamente onesto che non volevo più accettarlo come credibile. Beh, sappiamo come sono andate le cose con Diane Arbus….

«I motivi personali possono facilmente trasformare la passione per essere troppo onesti in una forma di disonestà.»

— Adam Donaldson Powell